Come installare Linux Mint 20  Guida Completa

Qui sopra il Tutorial Video di come si installa Linux Mint 20 Cinammon

PREMESSA: Linux Mint 20 Guida Completa

Linux Mint 20 è la nuova versione LTS (a lungo supporto e come tale considerata stabile, le uniche di cui mi occupo nel mio sito poiché per me la stabilità è molto importante e ricordatevi che Linux Mint fa solo ed esclusivamente distribuzioni basate sulle LTS di UBUNTU) che è uscita da pochi giorni.
L’ho installata sul mio PC personale, al quale ho anche aggiornato il BIOS all’ultima versione a causa di un errore che usciva (e continua ad uscirmi) e che vi metto qui in foto:

errore linux mint 20
errore linux mint 20 – bios

Dopo tale errore Linux Mint 20 partirà senza alcun problema. Tale errore non è una certezza assoluta che vi compaia, non succede a tutti, ma non succede solo a me. L’immagine ISO l’ho verificata ed è integra. Mi sono consultato con un Sistemista Linux (che è anche Sistemista Windows) il quale mi ha detto che questo errore è abbastanza diffuso a molta gente con Linux Mint 20 e con Ubuntu 20.04 LTS. In poche parole, siccome tale errore sarà certamente stato segnalato ai creatori di Ubuntu e Linux Mint si spera ardentemente che, tra i vari aggiornamenti che usciranno, ne uscirà uno che risolverà questa antipatica scritta che mi appare ad ogni avvio. Sempre il sistemista di cui sopra mi ha assicurato che tali errori non sono gravi e non inficiano minimamente sul corretto funzionamento della Distribuzione Linux in questione, ed in effetti, fino ad ora devo dargli ragione.

Alla maggioranza assoluta della gente andrà tutto bene al primo colpo, ma potrebbe esserci chi invece si ritrova con dei problemi. Ad ogni modo prima provatela LIVE (senza installarla) il più approfonditamente possibile, che è sempre una buona regola. E se hai un PC Portatile provalo in live e vedi se il TouchPad funziona regolarmente, provalo al meglio possibile e ricordate. 4 GB di RAM servono per Linux Mint 20 Cinammon  per girare bene ed è solo a 64 bit. Se hai PC a 64 bit poco performanti installa Linux Mint 20 XFCE, più adatta a PC non molto performanti, ma comunque bella e funzionante.

Se volete un sistema Dual Boot (esempio Windows 10 più Linux Mint 20) seguite il tutorial in inglese (dove fa l’esempio con Ubuntu 20.04 ma la logica è assolutamente identica) che trovate QUI

Ricordatevi che se avete problemi potete sempre iscrivervi e postare il vostro problema sul Forum ufficiale in italiano di Linux Mint che trovate QUI ma che potreste provare anche con il Forum in italiano di Ubuntu che trovate QUI oltre ai vari gruppi che potete cercare e trovare su Facebook

Linux Mint 20 Cinammon – La guida completa e il Post installazione

Linux Mint 20 si basa su Ubuntu 20.04 LTS di cui su questo sito potete già vedere il Tutorial Completo. Ma, a differenza di Ubuntu 20.04 LTS gli sviluppatori di Linux Mint non amano SNAP e quindi di default lo hanno bloccato (ovviamente c’è il modo per sbloccarlo per chi vuole).

Potete però usare di default sia i file DEB (come sempre) che i flatpak

La squadra di Linux Mint ritiene che SNAP sia praticamente l’equivalente dei file .EXE di Windows. Si installano e magari funzionano e se non funzionano li disinstalli, ma non sai cosa stai facendo, se non sono fatti bene qualche malevolo potrebbe usare qualche falla e così via. Insomma, non rispettano, secondo la squadra di Linux Mint il vero spirito Open Source di Linux.
In effetti tutti i torti, va detto, non li hanno. D’altro canto c’è da dire che essendo che SNAP permette di installare software sulle più diverse Distribuzioni anche non basate su Ubuntu Linux (ad esempio Open Suse, Fedora eccetera), SNAP ha reso possibile portare su varie distribuzioni alcuni software che prima magari mancavano (molto pochi in realtà, ma alcuni sì).

Se dunque intendete seguire la filosofia di Linux Mint e volete evitare di installare una applicazione in formato SNAP, non ci sono problemi, poiché su Linux Mint 20 avrete il pieno supporto al formato flatpak, il quale farà si di approfittare degli stessi vantaggi degli SNAP ma con una maggiore leggerezza in termini di spazio occupato dalle applicazioni oltre che da prestazioni di avvio nettamente più veloci rispetto agli SNAP, che in molti casi sono lenti, cosa fortunatamente non vera per i formati flatpak, formati sicuri che potrete installare in Linux Mint 20.

L’installazione dei programmi in formato flatpak, su Linux Mint 20, è possibile direttamente dall’apposita sezione Flatpak presente nel Gestore Applicazioni. Il repository utilizzato come base per l’installazione dei pacchetti, come nelle versioni precedenti di Linux Mint del resto – Il responsitory dei flatpak è il famoso flathub, ma è tutto integrato nel Gestore Applicazioni. Come sempre Linux Mint = Semplicità ed efficienza.

Come sempre faccio nelle mie guide Post-Installazione, anche se il 90% delle cose (ma non il 100%) è installabile dal Gestore Applicazioni, nel 90% dei casi ve le farò installare quasi tutte usando il Terminale, perché così sono abituato e perché così prendete confidenza con tale strumento, che è, in un certo senso, il cuore di Linux.

Amule: Ufficialmente esattamente come su Ubuntu 20.04 LTS non esiste un modo ufficiale per fare funzionare AMULE su Linux Mint 20.
Indiscrezioni recenti dicono che a Novembre o Dicembre in corrispondenza di Ubuntu 20.10 il Team di Amule tirerà fuori una nuova versione di Amule per Ubuntu 20.10 che, mi auguro, sarà compatibile anche con la 20.04 LTS e quindi anche con Linux Mint 20.

Amule: AGGIORNAMENTO DEL 18 LUGLIO 2020 – Vi è un modo efficace che ho provato io stesso su Linux Mint 20 (quindi funziona di sicuro nello stesso modo in Ubuntu 20.04 LTS) – Trovate la Guida Completa di come avere Amule anche qui, funzionante e correttamente settato cliccando sulla mia guida che trovate QUI

Se googleate trovate altre soluzioni, tutte a vostro rischio e pericolo di cui non ci assumiamo alcuna responsabilità. A Ottobre o massimo Novembre dovrebbe uscire una versione ufficiale e supportata da Ubuntu 20.04 LTS e quindi anche Linux Mint 20, sempre che siano giuste le indiscrezioni, ma la nostra guida sopra funziona. L’ho testata di persona.

Qui possiamo dare uno sguardo sulle applicazioni preinstallate su Linux Mint 20

Prima di procedere con la guida facciamo il punto della situazione e vediamo quali sono i programmi che troviamo preinstallati su Linux Mint 20:
Internet: Firefox, Thunderbird, HexChat, Transmission (quest’ultimo serve per scaricare i torrent, a me non piace e vi inviterò ad installare DELUGE)
Ufficio: LibreOffice (il concorrente gratuito di Microsoft Office) in edizione completa con Base, Calc, Draw, Impress, Math, Writer.
Grafica: Drawing, Pix e Scansiona Documenti (che fino a ieri si chiamava Simple Scan, ora gli hanno solo cambiato il nome ma è la stessa identica cosa)
Audio e video: Celluloid (come player video) e Rhytmbox (come riproduttore file audio)Ovviamente vi farò installare l’immancabile e obbligatorio VLC, tra l’altro in versione Flatpack.
Gestione periferiche USB: Formattatore di penna USB (per formattare facilmente memorie esterne USB), Scrittore di immagine USB (che ci consente di scrivere su pendrive le nostre distro preferite). Faceva parte del progetto MintStick, infatti è un software sviluppato dagli sviluppatori di Linux Mint e non di Ubuntu e funziona benissimo da sempre.
Strumento di backup (un tool sviluppato da Mint per la realizzazione di backup di sistema)
Timeshift (una utility per il ripristino del sistema)
Warpinator (un tool che ci consente di inviare e ricevere file fra i computer appartenenti alla nostra stessa rete)
Synaptic (il famoso gestore di pacchetti)
Gestore applicazioni: Il software center sviluppato dal team di Linux Mint e che ci consente di installare sia applicazioni presenti nei repository della distribuzione, ossia Linux Mint 20, sia applicazioni in formato flatpak presenti sul repository di flathub) – Lo userete spesso.
Gestore Aggiornamenti: Il software che ci consente di mantenere sempre aggiornata la nostra distribuzione (il simbolo dello scudetto in basso a destra “vicino all’orologio”).
Gestore dei driver: Il gestore dei driver di Mint che ci consente di installare eventuali driver proprietari come, ad esempio, i driver grafici NIVIDIA. A differenza di Ubuntu, quando installate Linux Mint su di un computer con scheda grafica NIVIDIA, non vi verranno installati in automatico i relativi driver proprietari ma dovrete farlo in un secondo momento, andando su Gestore Driver e cliccando non sul driver Open Source ma in genere sul primo in alto che installa i driver proprietari e poi cliccando APPLICA. Attendete che finisca e poi riavviate.

Un esempio in foto con la mia scheda video NVIDIA, per intenderci:

Scheda NIVIDIA proprietaria
Scheda NIVIDIA proprietaria su Linux Mint 20 o Ubuntu 20.04 LTS (stessa procedura)

Se avete una scheda Wi-Fi Broadcom che Linux Mint riconosce (con il PC in rete tramite cavo di rete, da Gestori Driver installate il Driver proprietario di Broadcom, applicate e poi riavviate il PC. Se tutto va bene il Wi-Fi magicamente funzionerà).

Come al solito, insomma, Linux Mint ha già a disposizione quasi tutto quello che ci serve per iniziare fin da subito a lavorare, ma qualcosa che manca e da affinare c’è sempre ed è qui che entriamo in gioco noi spiegandovi come fare.

Installare gli aggiornamenti (prima cosa da fare dopo aver installato Linux Mint 20 Cinammon)

Avviate il Gestore Aggiornamenti (il simbolo dello scudetto in basso a destra), cliccateci sopra, dategli OK e seguite le istruzioni per scaricare e installare gli aggiornamenti (ovvero cliccate su INSTALLA AGGIORNAMENTI, mettete la password e date INVIO). Come potete vedere, rispetto ad altre Distribuzioni Linux, il Gestore Aggiornamenti di Linux Mint 20 ha una interfaccia molto user friendly. Dopo aver installato gli aggiornamenti (essendo che aggiornerà anche il Kernel) vi verrà proposto di riavviare il sistema. Fatelo. Quando non ve lo propone non c’è bisogno di riavviare, significa che non ha aggiornato il Kernel.
Guardate verso la fine del Video Tutorial della installazione di Linux Mint 20 che trovate in questa pagina più in alto per maggiore chiarezza.

COME AVERE LE ICONE (Firefox – Thunderbird eccetera normali anziché come appaiono in Mint?

Se avete già guardato il Video di installazione mi avrete ascoltato mentre vi dicevo che la prima cosa che vi avrei fatto cambiare erano le icone di default, a mio avviso orribili, con quelle belle vero?
E vi ricorderete anche che vi avevo detto che ci avreste messo 5 secondi per farlo. Ecco come fare:

Per fare ciò, cosa che consiglio caldamente, andate in LM (lo START di Linux Mint) – Preferenze – Temi (l’ultima icona in basso) premete TEMI e in ICONE sulla destra cliccate e scegliete GNOME (cliccando) e il gioco è fatto. Cinque secondi, come vi avevo detto.

Installiamo i codec multimediali, i caratteri aggiuntivi, supporto DVD e OpenJDK

Durante l’installazione di Linux Mint è possibile spuntare la voce che ci consente di scaricare i codec e software aggiuntivo che ci consente di preinstallare tutto il necessario per riprodurre i nostri file multimediali. Io lo faccio sempre e se voi lo avete fatto (come vi ho spiegato nel Tutorial di installazione) il comando che trovate sotto non vi serve darlo. Qualora non aveste spuntato tale voce, o non vi ricordate, poco male, perché basta aprire il TERMINALE e dare questo comando:

sudo apt install mint-meta-codecs
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni). Se vi dice che è già installato all’ultima versione poco male, vuol dire che è già a posto, non è un errore e non vi dovete preoccupare.

Ora dobbiamo installare i fonts Microsoft di base (Times new Roman, Verdana e così via).

Apriamo il TERMINALE e diamo:

sudo apt install ttf-mscorefonts-installer
e date INVIO, se vi chiede la password mettetela e date INVIO
Muovetevi col tasto TAB (quello alla sinistra del tasto Q della tastiera per fare illuminare di ROSSO i vari OK o SI delle schermate che escono – Se con TAB non si muove usate le frecce direzionali e poi una volta su OK e SI date INVIO)

Vi consiglio inoltre di installare i fonts Carlito e Caladea. I due font sono due caratteri liberi pensati per sostituire Calibri e Cambria, due fonts proprietari spesso usati dagli utenti per la realizzazione dei propri documenti. Senza questi due fonts sostitutivi potreste avere problemi con la formattazione del testo in alcuni documenti.

Per installarli vi basterà dare da TERMINALE

sudo apt install fonts-crosextra-caladea fonts-crosextra-carlito
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

RIPRODUZIONE DEI DVD SU LINUX MINT 20 CINAMMON

Per quanto riguarda la riproduzione di DVD video avremo bisogno di installare libdvd-pkg. Questo pacchetto automatizza il download di file sorgenti per libdvdcss2 da videolan.org (indispensabile anche per VLC) nonché la loro compilazione e l’installazione dei pacchetti binari (libdvdcss2 libdvdcss-dev). Da TERMINALE diamo:

sudo apt install libdvd-pkg

Premere INVIO – Quando richiesto premere S
Quando vedrete il cursore rosso è su OK premete INVIO
Quando il cursore rosso è su SI premete INVIO
Andiamo ora ad installare openjdk e il plugin per il browser dando da TERMINALE

sudo apt install openjdk-11-jre
(premete INVIO)

Se è già installato alla versione più recente ce lo dice (cosa molto probabile). Non preoccupiamoci e proseguiamo.

Messaggistica e gestione feed

Se avete la necessità di usare XMPP, IRC, AIM (se invece, come me, non le usate, ignorate questa cosa) la migliore soluzione che potete trovare è Pidgin. Potete installare Pidgin  dal TERMINALE dando:

sudo apt install pidgin
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Installare SKYPE in Linux Mint 20 Cinammon

Se come me siete utenti Skype dovrete scaricare e installare manualmente Skype per Linux dal sito Microsoft all’indirizzo https://www.skype.com/it/download-skype/skype-for-computer/
Scegliamo di scaricare il pacchetto DEB. Per farlo ci basterà cliccarci sopra e salvarlo. Una volta salvato fare click sul pacchetto DEB scaricato e installarlo seguendo le istruzioni (estremamente intuitive). E’ facile che ci dirà che c’è una versione più vecchia disponibile. Clicchiamo su CHIUDI su tale avviso e installiamo il Pacchetto nuovo scaricato cliccando su INSTALLA PACCHETTO).
Ci dirà alla fine che la stessa versione è già installata. Non è vero ma fa niente. Clicchiamo su X. Skype è installato. Cerchiamolo, apriamolo e configuriamolo.

Se amate leggere i feed (se non vi interessa, ovviamente, ignorate questo comando) senza ricorrere a servizi web

In tal caso uno dei migliori client GTK è senza ombra di dubbio Liferea che potete installare dando da TERMINALE dando il seguente comando:

sudo apt install liferea
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Installare Telegram Desktop (avendo di fianco il nostro smartphone connesso alla rete – naturalmente se, come me, usate e amate Telegram) su Linux Mint 20 Cinammon 

Installiamo Telegram DA TERMINALE come da istruzioni che vi do e non in altro modo, così sarà sempre aggiornato e funzionante.

Aprite il TERMINALE e copia incollate quanto segue:

sudo wget -O- https://telegram.org/dl/desktop/linux | sudo tar xJ -C /opt/

Date INVIO. Abbiate pazienza e attendete che finisca
Una volta fatto-finito copia incollate quanto segue:
sudo ln -s /opt/Telegram/Telegram /usr/local/bin/telegram-desktop
(e date INVIO)
Poi date
telegram-desktop
(e date INVIO) – Si aprirà TELEGRAM, configuratelo, è intuitivo, avendo il vostro smartphone di fianco e connesso in rete dati.
Ora cercate Telegram Desktop tra i programmi del PC (Lo troverete in LM – Internet), cliccate con il destro del mouse su Telegram Desktop e poi con il sinistro del Mouse su Aggiungi al Pannello così lo avrete comodamente nel pannello, lanciatelo, configuratelo seguendo le facilissime istruzioni e avendo il vostro smartphone di fianco con Telegram aperto e on-line per inserire la chiave che vi darà e buon divertimento !

Installare browser alternativi come Google Chrome, Opera o Vivaldi

Su Linux Mint 20 troviamo preinstallato il caro e vecchio Firefox, uno dei migliori browser in circolazione.
L’unica cosa da fare per Firefox è quella di aggiungere Google ai motori di ricerca in quanto, per impostazione predefinita, la versione di Firefox presente nei repository di Linux Mint non include Google. Per farlo basterà, con Firefox, andare all’indirizzo https://www.linuxmint.com/searchengines.php e cliccare sull’apposita voce (certi giorni funziona, certi giorni no. Se non va riprovate ogni tanto perché ultimamente, non so perché, non va).

Potreste però voler installare qualcosa di diverso. Non preoccupativi perché i principali browser che trovate su Windows sono disponibili anche per Linux.

Se volete installare Google Chrome vi basterà scaricare l’installer in formato DEB dall’indirizzo https://www.google.it/chrome/browser/desktop/index.html e installarlo manualmente facendo doppio click su di esso.

Se volete installare Opera vi basterà scaricare l’installer in formato DEB all’indirizzo http://www.opera.com/it e installarlo manualmente facendo doppio click su di esso.

Se volete installare Vivaldi vi basterà scaricare l’installer in formato DEB all’indirizzo https://vivaldi.com/download/ e installarlo manualmente facendo doppio click su di esso.

Installare CHROMIUM senza usare per forza SNAP

Molti utenti sono affezionati a CHROMIUM che purtroppo è disponibile solo via SNAP (vai a capire il perché di questa scelta….). Abbiamo trovato un trucco per installarlo lo stesso via terminale senza usare SNAP. Ecco come fare. Aprire il TERMINALE:

Guida: come installare Chromium senza Snap su Mint 20

La guida permette di aggiungere il repository di Debian e utilizzarlo esclusivamente per CHROMIUM e le sue dipendenze non soddisfatte da Ubuntu/Mint.

Fase 1: (Copiatela per intero e poi incollatela sul terminale, date INVIO e seguite eventuali istruzioni)

sudo tee -a /etc/apt/preferences.d/chromium.pref <<EOF
Package: *
Pin: origin “deb.debian.org”
Pin-Priority: -10

Package: chromium* libvpx5 libjpeg62-turbo libicu63
Pin: origin “deb.debian.org”
Pin-Priority: 999
EOF

Fase 2: (Copiatela per intero e poi incollatela sul terminale, date INVIO e seguite eventuali istruzioni)

sudo tee -a /etc/apt/sources.list.d/debian.list <<EOF
deb http://deb.debian.org/debian/ stable main #Debian stable
deb http://deb.debian.org/debian/ stable-updates main #Debian updates
deb http://deb.debian.org/debian-security stable/updates main #Debian security updates
EOF

Fase 3: (Copiatela per intero e poi incollatela sul terminale, date INVIO e seguite eventuali istruzioni)

sudo apt install debian-archive-keyring && \
sudo apt-key add /usr/share/keyrings/debian-archive-keyring.gpg

Fase 4: (Copiatela per intero e poi incollatela sul terminale, date INVIO e seguite eventuali istruzioni)

sudo apt update && \
sudo apt install chromium

Buon divertimento.

Torrent – Transmission

Per quanto riguarda la gestione dei torrent su di Linux Mint 20 troviamo preinstallato Transmission. Se vi trovate bene e volete usare quello siete liberi di farlo. Se come me non lo sopportate è giunta l’ora di installare il semplicissimo DELUGE.

Torrent – Installare DELUGE

Apriamo il TERMINALE e diamo questo comando:

sudo apt install deluge
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Programmi da ufficio e grafica

Su Linux Mint 20 troviamo già preinstallato LibreOffice in versione completa quindi non dovrete installare null’altro.

Su Linux Mint 20 trovate preinstallato Drawing, una specie di Microsoft Paint.
Se vi basta Drawing perché non dovete fare nulla di che con la grafica buon per voi, sarete contenti così.

Se avete bisogno di un software simile al celebre Adobe Photoshop dovete avere/installare GIMP

Per installare GIMP aprite il TERMINALE e date il seguente comando:

sudo apt install gimp
  (e dare INVIO e seguire le oramai note istruzioni)

Installato gimp installate queste due raccolte di plug-in per le vostre creazioni che vi saranno molto utili dando questo comando da TERMINALE:

sudo apt install gimp-plugin-registry gmic
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Se lavorate anche con le immagini vettoriali vi consiglio di installare Inkscape  da TERMINALE dando:

sudo apt install inkscape
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Montaggio video su Linux Mint 20 Cinammon

Per i creativi appassionati di modellazione, rigging, animazione, montaggio video, composizione e rendering di immagini tridimensionali e chi più ne ha più ne metta, consiglio di installare Blender. Vi consiglio di installare direttamente la versione Flatpak anziché quella presente nei repository, in modo da avere sempre l’ultima versione disponibile. Potete installarla dal TERMINALE dando il seguente comando:

flatpak install flathub org.blender.Blender
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

E-book Reader – Kindle di Amazon – Kobo eccetera su Linux Mint 20 Cinammon

Se possedete quanto sopra non potete fare a meno di Calibre (disponibile per Windows, Mac e Linux).  P mentre facevo il Video Tutorial ho scoperto che Calibre è stato tolto dai file DEB ed è dunque installabile sono in Flatpack. Per farlo dunque dovete precedere come segue (lo vedete anche nel video tutorial):

Clicchiamo su LM (lo START di Linux Mint) e clicchiamo la penultima icona in alto, quella tra firefox e il simbolo di un cacciavite con una chiave fissa. Vi si aprirà il Gestore Applicazioni. In basso verso destra vedrete la scritta Flatpack. Cliccateci sopra. Vi appariranno vari software, cercate o trovate scorrendo Calibre e cliccateci sopra, poi cliccate su installa o continua, se vi chiede la password mettetela e dite ok e si a qualunque cosa vi chieda. Abbiate molta pazienza perché ci mette un bel po’ ma ne vale la pena. Quando finirà, ve ne accorgerete quando non ci sarà più la scritta “installazione in corso” ma bensì ESEGUI in verde. Chiudete a quel punto con la X, cercate Calibre e utilizzatelo tranquillamente.

Masterizzare CD e DVD su Linux Mint 20 Cinammon

Per fare DVD e CD , anche di immagini ISO (e non solo) installate Xfburn. Da TERMINALE dunque diamo:

sudo apt install xfburn
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Se volete invece un software per gestire la vostra mediateca l’unica via è quella di installare l’ottimo Kodi (ex Xbmc) e potete farlo dando da TERMINALE dando il seguente comando:

sudo apt install kodi
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Editing video con Linux Mint 20 Cinammon

Per quanto riguarda l’editing video, la maggioranza degli esperti concorda sul fatto che il programma più completo attualmente disponibile è kdenlive.
Potete installarlo in formato flatpak  dando da TERMINALE

flatpak install flathub org.kde.kdenlive
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Editing audio con Linux Mint 20 Cinammon

Infine, se la vostra passione è l’editing audio o semplicemente vi serve un editor per ritoccare le puntate del vostro podcast, il mio consiglio è quello di installare Audacity. Il programma è presente sia in formato Flatpak che da repository.

Apriamo il TERMINALE e digitiamo:

sudo apt install audacity
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Se volete installare il Conky Manager – Se non sapete cos’è cercatelo su Google per farvi una idea, poiché non è certamente una cosa fondamentale, ma dato che io lo uso ve lo metto (non c’è purtroppo una versione per Ubuntu 20.04 e quindi nemmeno per Linux Mint 20), ma si può installare e fare funzionare, almeno in parte, così:

Aprite il TERMINALE e date:

sudo apt-get update
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Proseguiamo con questo comando:

sudo apt-get install conky-all
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Proseguiamo con questo comando:

sudo apt install conky
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Proseguiamo con questo comando:

wget –no-check-certificate https://github.com/teejee2008/conky-manager/releases/download/v2.4/conky-manager-v2.4-amd64.run
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Proseguiamo con questo comando:

chmod +x conky-manager-v2.4-amd64.run
e poi il tasto INVIO (se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Proseguiamo con questo comando:

sudo ./conky-manager-v2.4-amd64.run
(e diamo INVIO – se chiede la password mettiamola e diamo INVIO se ci chiede S/N diamo S e INVIO, insomma, seguiamo le istruzioni)

Proseguiamo con questo ultimo comando:

conky-manager
(e diamo INVIO)

Una volta che il sistema si è riavviato aprite il Conky Manager e impostatelo cliccando le varie opzioni (io clicco la terza opzione, come da freccia rossa a Sinistra e poi si clicca su Settings come da freccia rossa a destra). Come da foto:

Conky Manager settaggi
Conky Manager settaggi

Si aprirà un menù dopo aver cliccato precedentemente sulla scritta Settings e poi dovrete settare esattamente come da foto sotto:

Conky Manager settaggi per renderlo permanente ad ogni avvio

In tal modo ad ogni riavvio o accensione del PC il Conky Manager sarà attivo e perfettamente funzionante.
Questa soluzione è perfettamente replicabile anche su Ubuntu 20.04 LTS nello stesso modo.

Fare e gestire perfettamente gli screenshot su Linux Mint 20 Cinammon

VOLETE UN PROGRAMMA CHE VI PERMETTA DI FARE GLI SCREEN (foto sello schermo o di parte di esso?) Dovete installare Shutter, che non troverete da nessuna parte.
Quindi fate come segue: Aprite il TERMINALE e date:

sudo add-apt-repository ppa:shutter/ppa

mettere la password e dare INVIO e quando richiesto dare di nuovo INVIO

Poi date:

sudo apt-get update
e dare INVIO

Poi date:

sudo apt install shutter
  (e dare INVIO. Quando richiesto dare S e INVIO)

Studiatevelo con calma, fa cose strepitose ed è tutto in italiano. Durante il Tutorial VIDEO POST INSTALLAZIONE vi mostrerò il suo utilizzo base e medio, per prendere confidenza con lo strumento. Per chi in Windows conosce il programma SNAGIT, Shutter è, diciamo così, lo SNAGIT di Linux migliore che c’è (a mio avviso)
Se non dovesse piacervi Shutter (ma se ve lo studiate e ci prendete confidenza vi piacerà sicuramente) e lo voleste in futuro rimuovere (spero di no), sempre da terminale fate:

sudo apt remove -autoremove shutter
(e date INVIO e le solite note istruzioni)

Installare VLC – Il Migliore player audio Video.

Installiamolo in flatpack in questo modo:
Clicchiamo su LM (lo START di Linux Mint) e clicchiamo la penultima icona in alto, quella tra firefox e il simbolo di un cacciavite con una chiave fissa. Vi si aprirà il Gestore Applicazioni. In basso verso destra vedrete la scritta Flatpack. Cliccateci sopra. Vi appariranno vari software, cercate o trovate scorrendo VLC e cliccateci sopra, poi cliccate su installa o continua, se vi chiede la password mettetela e dite ok e si a qualunque cosa vi chieda. Abbiate molta pazienza perché ci mette un bel po’ ma ne vale la pena. Quando finirà, ve ne accorgerete quando non ci sarà più la scritta “installazione in corso” ma bensì ESEGUI in verde. Chiudete a quel punto con la X, cercate VLC e utilizzatelo tranquillamente.

Installare Handbrake – Conversione vari file video in vari formati

Installiamolo in flatpack in questo modo:
Clicchiamo su LM (lo START di Linux Mint) e clicchiamo la penultima icona in alto, quella tra firefox e il simbolo di un cacciavite con una chiave fissa. Vi si aprirà il Gestore Applicazioni. In basso verso destra vedrete la scritta Flatpack. Cliccateci sopra. Vi appariranno vari software, cercate o trovate scorrendo Handbrake e cliccateci sopra, poi cliccate su installa o continua, se vi chiede la password mettetela e dite ok e si a qualsiasi cosa vi chieda. Abbiate un pochino di pazienza perché ci mette un po’ ma non molto. Quando finirà, ve ne accorgerete quando non ci sarà più la scritta “installazione in corso” ma bensì ESEGUI in verde. Chiudete a quel punto con la X, cercate Handbrake e utilizzatelo tranquillamente.

Installare una radio On-Line su Linux Mint 20 Cinammon

Io uso GRADIO e la installo in flatpack
Installiamolo in flatpack in questo modo:
Clicchiamo su LM (lo START di Linux Mint) e clicchiamo la penultima icona in alto, quella tra firefox e il simbolo di un cacciavite con una chiave fissa. Vi si aprirà il Gestore Applicazioni. In basso verso destra vedrete la scritta Flatpack. Cliccateci sopra. Vi appariranno vari software, cercate o trovate scorrendo GRADIO (il nome che vi comparirà in realtà è de.haecherfelix.gradio) e cliccateci sopra, poi cliccate su continua, se vi chiede la password mettetela e dite ok e si a qualsiasi cosa vi chieda. Abbiate un pochino di pazienza perché ci mette un po’ ma non molto. Quando finirà, ve ne accorgerete quando non ci sarà più la scritta “installazione in corso” ma bensì ESEGUI in verde. Chiudete a quel punto con la X, cercate GRADIO e utilizzatelo tranquillamente.

INSTALLARE PROGRAMMI WINDOWS IN LINUX MINT 20 Guida Completa

Se necessitate per forza di determinati programmi che funzionano solamente in Windows ma vorreste tanto averli in Linux Mint 20 Cinammon o in Ubuntu 20.04 LTS, premesso che non vale per qualsiasi programma, il software che non vi deve mancare è Playonlinux

Per installarlo apriamo l’amato TERMINALE e diamo questo comando:

sudo apt install playonlinux
(e dare INVIO e seguire le oramai note istruzioni)

Una volta installato vi comparirà (lo troverete in LM-Accessori). Nel Video tutorial che ho già fatto su Ubuntu 20.04 LTS vi ho anche fatto vedere brevemente, come si usa, installando un programma fino alla fine. Su Linux Mint 20 il funzionamento è assolutamente identico.

Se come me volete avere tutti gli sfondi delle varie edizioni passate di Linux Mint

Dal mitico TERMINALE date questo comando:

sudo apt-get install mint-backgrounds-*
  (e date INVIO e seguite le note istruzioni)

La versione 20 infatti ha poche foto e non ben adattabili.

Se volete un convertitore video che converta in formato DIVX che saranno leggibili anche dai lettori DVD – DIVX da tavolo connessi alla vostra TV

Beh, in tal caso dovete per forza avere WINFF installato e poi dovete saperlo usare.

Per installarlo clicchiamo su LM (lo START di Linux Mint) e clicchiamo la penultima icona in alto, quella tra firefox e il simbolo di un cacciavite con una chiave fissa. Vi si aprirà il Gestore Applicazioni e scrivete winff e cliccate esattamente come da foto e poi su INSTALLA o CONTINUA , se vi chiede la password mettetela e dite ok e si a qualsiasi cosa vi chieda

winff Linux Mint 20
winff Linux Mint 20

Bene. E’ installato. Volete sapere come usarlo correttamente? Mi pare giusto. Allora cliccate QUI e scorrete in basso fino a quando vedrete che parlo di WINFF. Lasciate perdere i comandi da terminale per installarlo, tanto lo avete già installato come spiegato qui, ma in compenso saprete anche come usarlo. E’ un bellissimo programma e l’unico che funziona davvero poi sui lettori da tavolo DVD che leggono anche i DIVX. Tutti gli altri che ho provato compreso DEVEDE (che scorrendo in basso allo stesso link che vi ho appena dato) danno poi problemi. Usate dunque Winff. Non vi deluderà.

Ma se nonostante tutto quello che mi hai detto io voglio a tutti i costi avere gli SNAP a disposizione?

Il mondo è bello perché è vario. Beh, se proprio volete avere a tutti i costi gli SNAP e non volete sentire ragioni dovrete togliere i blocchi che Linux Mint ha imposto. Io non lo farò, ma se voi volete farlo ecco la soluzione:

Per farlo dovrete aprire il TERMINALE e dare i seguenti comandi:

sudo rm /etc/apt/preferences.d/nosnap.pref
(e dare INVIO e seguire le oramai note istruzioni)

sudo apt update
  (e dare INVIO e seguire le oramai note istruzioni)

sudo apt install snapd
  (e dare INVIO e seguire le oramai note istruzioni)

Una volta fatto riavviate il sistema e installate i vostri snap preferiti anche su Linux Mint 20.

Se cercate da LM (lo START di Linux Mint) vedrete che troverete da qualche parte anche SNAP, esattamente con quel nome. Lo aprite e da lì potrete installare tutti i software che SNAP vi permette di installare. Io resto fedele alla politica scelta da Linux Mint poiché la condivido, ma siccome tutti debbono avere la libertà di fare come credono vi ho dato la soluzione per eventualmente sbloccare SNAP su Linux Mint 20.

Ecco Come risolvere la differenza di orario fra Linux Mint e Windows 10 per chi ha o vuole avere un Dual Boot con entrambi i sistemi operativi

Premesso che chi vuole avere sullo stesso PC sia Windows 10 che Linux Mint 20 o qualsiasi altra Distribuzione Linux PRIMA deve installare Windows e DOPO deve installare Linux Mint o Ubuntu o Open Suse o Fedora e quello che sia ecco la soluzione.

Da Linux Mint 20 (o Ubuntu 20.04 LTS) aprite il TERMINALE e date questi comandi:

Dobbiamo disabilitare l’UTC e abilitare l’ora locale quindi da TERMINALE:

timedatectl set-local-rtc 1 –adjust-system-clock
(e dare INVIO e seguire le oramai note istruzioni)

Fatto questo riavviate il PC, accedete a Windows 10 e regolate l’ora.

D’ora in avanti non dovreste più avere problemi di sincronizzazione orario fra Linux Mint 20 o Ubuntu 20.04 e Windows 10.

Nel caso in cui voleste tornare alla situazione originale, sempre da TERMINALE date quanto segue:

timedatectl set-local-rtc 0 –adjust-system-clock
  (e dare INVIO e seguire le oramai note istruzioni)

DIFETTI RISCONTRATI CON LA NUOVA VERSIONE DI LINUX MINT 20 (CHE QUINDI SARANNO GLI STESSI ANCHE SU UBUNTU 20.04) ALLA DATA DI OGGI 7 LUGLIO 2020

Personalmente ho una stampante HP ENVY 4500 connessa con cavo USB al PC ma è anche WI-Fi. Con il software HPLIP versione installata su Linux Mint 19.3 oppure Ubuntu 18.04 LTS HPLIP la rilevava e funzionava tranquillamente, sulla nuova versione di HPLIP no. Per fortuna la stampante è comunque perfettamente rilevata dalla nuova distribuzione, con l’ex simple scan che ora si chiama “scansione dei documenti” scannerizza, stampare stampa tranquillamente sia via cavo che via wi-fi e i livelli di inchiostro che non posso più controllare da HPLIP posso controllarli in tre secondi dal display della stampante.
Se avete una stampante HP che la nuova versione di HPLIP vi riconosce e fa utilizzare tranquillamente lo scoprirete solo dopo aver installato HPLIP dal Gestore Applicazioni (Installate ovviamente HPLIP e HPLIP-GUI). Da HPLIP Tools che troverete nel menu LM “eccetera” vedrete se ve la farà settare e se funzionerà perfettamente oppure no. Se non va disinstallate HPLIP-GUI. Ad ogni modo se provo ad installare l’ultimissima versione di HPLIP su Linux Mint 20 mi dice che non può essere installata poiché la versione non è compatibile con Linux Mint 20 ma solo con la 19.3.
Ciò mi fa credere che HPLIP da Aprile 2020 (uscita di Ubuntu 20.04LTS sulla quale è basata Linux Mint 20) ad oggi, non abbia ancora rilasciato una versione di HPLIP compatibile e certificata al 100% per Ubuntu 20.04 o Linux Mint 20. Incredibile, ma vero. Nel momento in cui scrivo vi sto parlando della versione 3.20.6

Questo difetto certo mi dispiace ma non mi cambia la vita.

Il difetto che invece mi fa rabbia riguarda Oracle. Virtualbox è infatti un Software che uso da una vita per virtualizzare le macchine virtuali e fare i miei tutorial video, nonché per fare delle prove strane per evitare di fare disastri sulla macchina fisica. Su Ubuntu 20.04 o Linux Mint 20 dovete installare l’ultima versione, che trovate sul sito di Virtualbox, al momento è la 6.1.10.

Ebbene, per installare Linux Mint 20 in Virtualbox e poi installare i banali aggiornamenti ci ha messo più di 3 ore. Una vera follia.
Invece sul PC di mia moglie che ha ancora installato Linux Mint 19.3, basata su Ubuntu 18.04 la versione di Virtualbox installata è la 5.2.16 (che ovviamente non posso installare sulla nuova distribuzione). Ebbene in tal caso l’installazione su Virtualbox compreso gli aggiornamenti ci ha messo appena 5 minuti!!!!

Ho scritto in vari forum per capire se il problema era diffuso e si lamentano un po’ tutti di tale versione, anche utenti Windows.

Mi auguro dunque che Oracle rilascerà (e prima o poi avverrà senz’altro) una nuova versione di Virtualbox ben fatta che non abbia questi assurdi problemi (che non ho mai riscontrato in oltre 15 anni) e a quel punto sto problema non dovrebbe esserci più. Chiariamo subito. Non è colpa di Linux e nemmeno di Microsoft una volta tanto, ma di Oracle…… ed è la prima volta che mi capita.

Aggiornamento: E’ uscito Virtualbox 6.1.12. Ebbene l’ho provata oggi e non è cambiato assolutamente nulla rispetto alla 6.1.10. Aspettiamo e speriamo in una versione decente.

Per il resto mi pare tutto più veloce, aggiornato e reattivo.

Terrò il PC di mia moglie alla vecchia versione 19.3 fino a quando non sarà risolto il problema Virtualbox altrimenti non potrei più fare i video tutorial. Se anche HP risolvesse il problema con HPLIP non ne rimarrei offeso, anzi.

E’ ovvio che alle persona a cui di Virtualbox non interessa nulla (il90% di chi mi legge), non si dovrà nemmeno porre il problema.

L’altro problema ve l’ho messo all’inizio dell’articolo con la schermata del mio Monitor con le spiegazioni del caso. Si attende che Ubuntu (più che Linux Mint) rilasci una patch risolutiva, che quando ci sarà, ovviamente, ci sarà sia per Ubuntu 20.04 che per Linux Mint 20.

Malfunzionamenti della sospensione su vari notebook con Ubuntu 20.04 LTS o Linux Mint 20 – trovate la soluzione QUI

Spero di non avere tralasciato nulla.

Buon proseguimento, divertimento e lavoro con Linux Mint 20

Ed ora, qui sotto, eccovi il Video Tutorial Post installazione di Linux Mint 20 Cinammon Guida Completa.

QUI invece trovate come Aggiornare da Linux Mint 19.3 a Linux Mint 20

Condividi

13 commenti su “Linux Mint 20 Cinammon Tutorial e istruzioni”

  1. Per colpa di linux mint 19.3 sono costretto a buttare il mio portatile , stampante e scanner non vengono riconosciute inoltre non poso reinstallare Windows 10 .
    Ho cercato in tutti i modi tramite BIOS ecc. di risolvere ma inutilmente , inoltre e tutto in Inglese , sono Italiano ,a 72 anni , non ho nessuna voglia di impararlo .
    Maledetto il giorno che ho installato Linux .
    Un saluto
    Roberto Bor

    Rispondi
    • Un saluto a Lei. Naturalmente mi dispiace. I miei tutorial e video sono in italiano, non in inglese. Spero possa esserle di qualche aiuto.
      Prima di buttare via tutto può provare a rivolgersi ad un LUG della sua zona, dove appassionati ed esperti cercano di aiutare anche chi lo è meno senza chiedere denaro.
      Li trova qui: https://lugmap.linux.it/

      Rispondi
  2. ciao complimenti per la guida ho un piccolo problemino con la stampante… una ricoh sp213w

    il s.o riconosce la stampante…
    mi invia normalmente la stampa di prova, ma nel momento in cui avvio la stampa di un file (pdf o odt), effettua il caricamento, risulta nel pannello del lavoro che ha stampato, ma in sostanza non l’ha mai fatto…
    come posso risolvere il problema?
    se è possibile risolverlo, se no sono costretto a disinstallare questa distribuzione e ritornare a ubuntu o qualche altra che non dia questi problemi

    la stampante è collegata via usb anche se ha opzione wifi

    grazie in anticipo

    Rispondi
  3. Complimenti per la Guida, mi è servita. Grazie

    Però l’unico problema che ho riscontrato è in Chromium che è in versione inglese come faccio ad avere la versione italiana (ho già provato il comando sudo apt-get

    install chromium-browser-l10n ma non funziona).

    Grazie in anticipo

    Rispondi
  4. Ho una stampante hp 3760, viene rilevata, ma provando a stampare da errore e non in linea, spero si risolva presto con un nuovo driver. Qualcuno ha dei consigli per risolvere?

    Rispondi
  5. Per forza di causa maggiore (windows 10 completamente bloccato e pc che non si avviava in nessun modo) sono passata a Linux Mint Chinnamon, un mondo a me completamente sconosciuto ma grazie alla sua guida ho potuto scaricare programmi di cui non conoscevo l’esistenza e che onestamente non hanno nulla da invidiare a quelli a pagamento, ok da studiare e capire come usarli, ma nonostante non sia più una ragazza qualche neurone mi funzione ancora…
    Grazie di cuore, una persona come lei ti rende la vita facile e in questo mondo dove esiste solo l’io e non il noi non è cosa da poco.

    Rispondi
    • Su Linux Mint 20 (che è la distribuzione che ho io) lo vedo nei programmi installabili (veda foto). Quindi su Ubuntu lo vedrà su APP GRID (si veda il mio Tutorial su Ubuntu 20.04 LTS dove c’è scritto come installare APP GRID). Provi ad installarlo e veda se funziona.

      Se non funziona e ha Ubuntu 20.04 LTS può installarlo in formato SNAP – da terminale basta dare questo comando: sudo snap install makemkv (e naturalmente INVIO) o semplicemente cercarlo sul Ubuntu Store.

      Se ha Linux Mint 20 (o in caso di Ubuntu 20.04 LTS se non va né il DEB bé lo SNAP) può installare la versione Fluthub

      Per farlo apra il terminale e dia questi comandi (ogni volta faccia INVIO – Se chiede la Password la scriva e dia INVIO – se chiede Y/N oppure S/N dia Y o S a seconda della domanda):

      Per installare il programma, da terminale: flatpak install flathub com.makemkv.MakeMKV

      Per far partire il programma (per avviarlo), da terminale dare: flatpak run com.makemkv.MakeMKV

      Mi auguro che in uno dei modi che le ho illustrato il programma possa funzionare come da suo desiderio.

      Rispondi
  6. Buongiorno se è possibile avrei bisogno di aiuto. Ho installato linux mint 20.1 e nn mi funziona più l’audio, ho letto un po’ di forum, ma non sono arrivato a nulla.. Cosa posso fare? Grazie

    Rispondi

Lascia un commento

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy